"Educazione alla Comunicazione non Violenta" - danieleandreani

Vai ai contenuti

"Educazione alla Comunicazione non Violenta"

danieleandreani
Pubblicato da in CNV · 15 Ottobre 2019
(Testo 4)

Ti  è mai capitato di cercare di comunicare con una persona importante per te come un figlio o un genitore, un insegnante o uno studente, un collaboratore, un amico e di accorgerti che nonostante le tue buone intenzioni e il profondo desiderio di risolvere un problema la cui soluzione peraltro ti sembrava così semplice e scontata e renderti conto invece che la tensione aumentava ad ogni scambio di battute? E vederti in qualche modo costretto/a a ricorrere al tuo potere e alla tua autorità di genitore, di insegnante o di amministratore per ottenere quello che volevi? …. O al contrario, ti è mai capitato di sentirti profondamente a disagio e impotente perché qualcuno in qualche modo ha usato su di te il suo potere e la sua autorità per indurti a fare delle cose che non avevi scelto e che non avresti voluto fare?

Non so se hai mai vissuto esperienze del genere, ma ti garantisco che sono esperienze piuttosto comuni che spesso portano a sviluppare e ad alimentare sentimenti di rabbia e di rancore, compromettono relazioni importanti e purtroppo, troppo spesso, sfociano in episodi di violenza, anche molto gravi. (come dimostrano ampiamente i dati ufficiali del ministero dell’interno sulle violenze verso le fasce più deboli della popolazione).

Forse anche tu come tanti, sei convinto/a che tutto questo accada perché il mondo è pieno di persone irresponsabili, maleducate, cattive, insensibili e violente. In realtà così come afferma Rosenberg che è il padre della CNV, per lo più il mondo è solo pieno di persone che non fanno altro che cercare costantemente di soddisfare bisogni importanti e vitali come i bisogni di amore,  libertà, appartenenza, ascolto, supporto, pace, armonia, sicurezza, contatto, empatia ecc.… non esiste una sola persona al mondo che non abbia bisogno di queste cose. Il problema è che molte persone hanno appreso dalla loro cultura e dalla loro educazione ad utilizzare modi e strategie  distruttive e violente per cercare di soddisfare quei bisogni, che rimangono comunque, bisogni sani e vitali. E queste strategie, non solo non funzionano e non sono efficaci, ma al contrario non fanno altro che alimentare tensioni e ad alzare i toni dello scontro.

Io mi occupo di coaching e di formazione e sono quasi trent’anni che giro un po ovunque per il paese cercando di formarmi e di apprendere contenuti e strategie che possano in qualche modo fare la differenza sia nella mia vita che in quella delle persone che lavorano con me perché ritengo che questo sia il mio modo per cercare di contribuire a rendere un po migliore questo mondo ... e la mia esperienza personale, così come la mia formazione, mi hanno convinto che la soluzione a questi problemi non la troveremo continuando sulla strada, troppo spesso tracciata, dell’inasprimento  delle pene  e dell’imposizione di regole sempre più ferree e restrittive alla libertà dell’altro, strategia che peraltro mi sembra non abbia mai funzionato nel corso della storia, ma al contrario sono certo che la strada migliore da seguire per migliorare la qualità delle nostre relazioni sia quella di mostrare alle persone che è possibile soddisfare quei bisogni importanti, utilizzando strategie pacifiche molto più veloci, efficaci e rispettose,  in alternativa a quelle conosciute e utilizzate fino a quel momento.

Io sono molto preoccupato nel vedere i modi e i comportamenti e nel sentire le parole che molte persone usano nel tentativo di risolvere tensioni e conflitti e sempre di più mi rendo conto di quanto sia vera la considerazione di Gilles Vigneault poeta e cantautore canadese quando dice che la violenza è una mancanza di vocabolario.

Da questo punto di vista, sono certo che i suggerimenti che riceverai durante la formazione ti forniranno uno strumento davvero fantastico, straordinario. Imparerai infatti un linguaggio quello della comunicazione non violenta, molto semplice ma allo stesso tempo molto potente ed efficace capace di accompagnarti verso la soluzione desiderata, allenandoti per altro a sviluppare abilità e qualità fondamentali per una buona comunicazione quali l’ascolto e l’empatia. Quando farai tuoi gli strumenti presentati durante la formazione ti sentirai finalmente più padrone delle tue emozioni e più capace di generare cambiamenti migliorativi nel tuo rapporto con l’altro.

Quindi, se ti piace l’idea di padroneggiare uno strumento efficace che ti aiuti a migliorare le tue relazioni importanti, ti invito a cliccare sul pulsante qui sotto e a prenotare il tuo posto  perché nonostante la prenotazione non sia obbligatoria i posti sono comunque limitati e solo la prenotazione ti garantisce la partecipazione al corso.

Ti ricordo inoltre che questo è un percorso formativo itinerante  che toccherà, con tre incontri ciascuno, i comuni di Misano Adriatico, San Giovanni in Marignano e Cattolica, comuni che peraltro hanno sostenuto e patrocinato gli eventi.
Sono certo che apprezzerai il lavoro che faremo insieme in questi tre incontri per cui ti invito nuovamente a cliccare sul pulsante qui sotto per prenotare il tuo posto e per non perderti questa occasione.







(Fonte istat):
Il 31,5% delle 16-70enni (6 milioni 788 mila) ha subìto nel corso della propria vita una qualche forma di violenza fisica o sessuale:

(Fente: Terre des Hommes: )
Violenza minori: record nel 2016, 5.383 vittime,15 al giorno.

c....


Nessun commento
DANIELE ANDREANI
coaching e formazione
Contatti:
Daniele Andreani
Via Della Costituente, 57
47841 - Cattolica RN
Email: danieleandreani@libero.it
Cell. 342/6684403
Immagine personale
Torna ai contenuti